in

Quanto deve essere alto un materasso per riposare bene?

I materassi di elevato spessore vengono spesso associati a prodotti costosi e confortevoli, ma in realtà è più una sensazione legata all’aspetto estetico che non all’effettiva comodità. Di certo, l’altezza del materasso rappresenta un fattore da tenere in seria considerazione poiché può influenzare la qualità del sonno.

Altezza materasso

Non dimentichiamo come lo spessore incide anche sull’altezza complessiva del letto, che dovrebbe sempre consentire di raggiungere facilmente con i piedi il pavimento stando seduti sul bordo. Andiamo dunque a scoprire cosa cambia acquistando un materasso più o meno alto.

INDICE
1. Classificazione in base allo spessore
2. Cosa determina lo spessore del materasso?
2.1 Strato comfort
2.2 Strato base
3. Quali aspetti considerare per decidere lo spessore del materasso
3.1 Posizione di riposo
3.2 Dormire sul fianco
3.3 Dormire sulla schiena
3.4 Dormire a pancia sotto
3.5 Riposo agitato
3.6 Peso del corpo
3.7 Condividere il letto con un partner
3.8 Problemi fisici
3.9 Altezza totale del letto

Classificazione in base allo spessore

Innanzitutto è doveroso premettere come non esiste alcuna regola per stabilire lo spessore di un materasso e tantomeno normative che impongono ai costruttori il rispetto di precisi standard. Ogni casa produttrice è libera di realizzare modelli con lo spessore che preferisce, pertanto la scelta presente sul mercato è davvero ampia. Tuttavia, un materasso ha normalmente un’altezza compresa tra circa 19 e 35 centimetri.

Con il seguente elenco possiamo avere un’idea di massima di come vengono suddivisi i materassi in base allo spessore:

  • da 5 a 12 centimetri, modelli a basso profilo;
  • da 12 a 20 centimetri, materassi sottili;
  • da 20 a 30 centimetri, materassi standard;
  • da 30 a 40 centimetri, materassi alti;
  • oltre 40 centimetri, materassi con spessore extra.

È opportuno puntualizzare la differenza tra le prime due categorie. I materassi a basso profilo contraddistinguono i topper, ovvero materassini spessi pochi centimetri (fino ad un massimo di 10 centimetri) di solito posizionati tra materasso e coprimaterasso.

I modelli attorno ai 10 /12 centimetri sono impiegati nelle culle o lettini per neonati. In questo caso l’altezza limitata si adatta molto bene alle condizioni di riposo di bambini molto piccoli.

I materassi sottili sono, invece, realizzati con uno o più strati di memory foam, lattice o memory gel per incrementare il comfort e rappresentano soluzioni adatte per chi ha gravi problemi di mobilità.

Cosa determina lo spessore del materasso?

Miglior materasso in memory foam

L’altezza di un materasso dipende dallo spessore di ciascuno degli strati al suo interno. Molti modelli economici sono composti da due sole lastre, ma prodotti di alta qualità possono avere tre, quattro o più livelli.

Di solito ogni strato è realizzato da uno specifico materiale con qualità differenti e ciò influisce su rigidità, supporto e mantenimento delle caratteristiche nel tempo. La parte che poggia sulle doghe è definita strato di base, mentre quella più esterna viene comunemente chiamata strato comfort.

Strato comfort

Lo strato esterno, a diretto contatto con il corpo, deve garantire una certa comodità e accoglienza. Nei materassi a molle insacchettate può essere costituito da un’imbottitura in cotone e lana confezionata con il rivestimento del materasso.

Nei materassi ibridi, in lattice naturale o memory foam, lo strato comfort è sempre realizzato da una lastra di schiuma viscoelastica o altri materiali con simili caratteristiche. Da non dimenticare l’ergonomia della sagomatura che influisce sulla capacità di alleviare la pressione.

Di solito lo strato comfort ha uno spessore di circa 5 / 7 centimetri per garantire una soddisfacente comodità. In alcuni casi il materasso può avere la parte esterna composta da più lastre per incrementare la morbidezza, nonché integrare innovative tecnologie costruttive per meglio differenziare la portanza e favorire la dispersione di umidità e calore.

Strato base

Questa parte la possiamo definire il cuore del materasso è costituisce più del 50% dell’intera altezza. Una base più spessa, in linea di massima, impedisce il cedimento del materasso e aumenta la durata. Nei modelli a molle insacchettate e ibridi è rappresentata dagli elementi in acciaio opportunamente racchiusi in un box di contenimento, mentre in prodotti in memory foam vengono utilizzati strati di schiuma viscoelastica.

Quali aspetti considerare per decidere lo spessore del materasso

Come scegliere un materasso ortopedico

Come regola generale teniamo presente che per godere di una certa longevità il materasso deve avere uno spessore di almeno 20 centimetri. Inoltre, altri requisiti minimi sono uno strato superiore compreso tra 5 e 7 centimetri e quello di base tra 12 e 15 centimetri. Sono valori indicativi che, tuttavia, mettono già sulla buona strada per acquistare un materasso di soddisfacente qualità e lunga durata.

Posizione di riposo

Quando analizziamo le caratteristiche di un materasso, la posizione assunta durante il riposo è sempre influente. Infatti, alcune posture richiedono una maggior ammortizzazione mentre altre un elevato supporto.

Dormire sul fianco

dormire di lato su un fiancoLa scelta consigliata ricade su modelli con spessore compreso tra 30 e 35 centimetri. Si tratta di materassi con una parte molto più morbida nella zona di spalle e bacino per meglio sopportare la pressione esercitata dal corpo in questi due punti.

Dormire sulla schiena

dormire sulla schienaChi predilige riposare sulla schiena dovrebbe trovare maggiori benefici con materassi alti dai 25 ai 30 centimetri, così da sostenere la naturale curvatura della colonna vertebrale. In questi casi scegliere un modello di spessore troppo sottile può provocare un disallineamento spinale, causando mal di schiena, dolori cervicali e rigidità muscolare. Il materasso deve avere uno strato di base spesso e quello superficiale più sottile per evitare dannosi affossamenti.

Dormire a pancia sotto

dormire a pancia in giuQuesta posizione suggerisce l’impiego di materassi con altezza attorno ai 25 centimetri, sempre allo scopo di permettere il corretto allineamento della colonna vertebrale. Lo spessore dev’essere composto quasi completamente dallo strato di base, mentre quello esterno risultare poco sottile per offrire una superficie più dura e adeguata resistenza alla compressione dell’addome.

Riposo agitato

Alcune persone si muovono molto durante il sonno cambiando spesso posizione. Di conseguenza il materasso deve fornire il maggior equilibrio possibile tra rigidità e morbidezza, così da adattarsi alle diverse situazioni. Lo spessore consigliato è di circa 30 centimetri.

Peso del corpo

Il peso corporeo è un altro fattore che incide sulla scelta dello spessore del materasso. Persone leggere fino a 60 chilogrammi possono optare con una certa tranquillità per un modello con altezza di 20 centimetri o superiore. Uno strato esterno alto e morbido bene si adatta in questi casi e permette di alleviare i punti di maggior pressione, senza il rischio di sprofondare.

Al crescere del peso non esiste una formula matematica per stabilire quale sia lo spessore ideale. A persone che si avvicinano o superano i 100 chilogrammi consiglio un materasso con altezza almeno di 30 centimetri.

Così facendo eviteranno un’eccessiva deformazione e manterranno sempre uno spazio di sicurezza tra corpo e doghe. Inoltre, suggerisco di associare allo spessore elevato anche un notevole grado di rigidità per evitare affossamenti.

Condividere il letto con un partner

Un materasso alto composto da numerosi strati assicura un adeguato supporto rispetto ad un modello sottile. Pertanto è la soluzione migliore per un materasso matrimoniale condiviso da una coppia.

Problemi fisici

In presenza di determinate condizioni mediche o patologie come il mal di schiena, potrebbe offrire benefici l’impiego di un materasso rigido con strato esterno sottile. Modelli attorno ai 20 / 25 centimetri riescono ad offrire un sostegno efficace e dare sollievo da dolori lombari. Di solito sono materassi che uniscono un notevole supporto con sufficiente morbidezza per meglio seguire la naturale curvatura della schiena.

Se invece soffriamo di artrite, dolori a spalle e problemi alle anche, abbiamo bisogno di un materasso più morbido con maggior ammortizzazione nelle suddette zone. In questi casi suggerisco di scegliere uno spessore compreso tra 30 e 35 centimetri, nonché uno strato esterno alto per un corretto adattamento al profilo del corpo.

Altezza totale del letto

Quando decidiamo lo spessore del nuovo materasso non dobbiamo dimenticare di verificare l’altezza complessiva del letto. Tale valore non dovrebbe superare i 60 centimetri, comunque deve permettere di scendere e salire comodamente anche a persone anziane o con mobilità limitata a causa di problemi fisici.