Dormire senza cuscino è una buona idea?

Conviene dormire senza cuscino? Quali sono le conseguenze per collo,  schiena e qualità del riposo? Leggi la guida per saperne di più.

Dormire senza cuscino letto

INDICE
1. Riposare senza cuscino: gli effetti sulla schiena
2. Utilizzo del cuscino in base alla posizione di riposo
3. Bibliografia

Riposare senza cuscino: gli effetti sulla schiena

Uno dei malesseri più diffusi a seguito di un cattivo riposo sul letto sono i dolori cervicali. A quanti di noi sarà capitato di svegliarsi la mattina con un fastidioso indolenzimento al collo che coinvolge anche spalle e schiena. Il motivo potrebbe essere un cuscino di scarsa qualità oppure inadatto alle nostre abitudini di riposo.

Del resto ognuno di noi assume una determinata posizione durante il sonno che coinvolge anche l’uso del guanciale. C’è chi preferisce abbracciare il cuscino e altri che invece riposano con la testa appoggiata direttamente sul materasso. Vediamo di scoprire se rappresenta una buona o cattiva idea dormire senza cuscino.

Per comprendere quali conseguenze provoca il mancato impiego del cuscino è fondamentale conoscere, grosso modo, com’è fatta la colonna vertebrale e in particolare il tratto cervicale maggiormente coinvolto.

Si tratta di una zona del corpo alquanto delicata e costituita da una serie di vertebre che assumono una specifica curvatura per assolvere ad un duplice scopo. Da una parte hanno la funzione di sostenere il peso della testa e dall’altra di proteggere laringe ed esofago.

Colonna vertebrale

Osservando una rappresentazione grafica della colonna vertebrale si nota come non risulti perfettamente lineare, ma bensì con un andamento sinuoso. Per evitare dolori a collo e schiena è necessario dormire cercando di assecondare il più possibile le curve. In tal senso riposare senza cuscino porta benefici?

La risposta è assolutamente no. I materassi che meglio si adattano alla forma del corpo sono quelli realizzati in memory foam o ibridi, in quanto seguono l’andamento della colonna vertebrale. Tuttavia, il piano di appoggio rimane piatto e l’assenza di un cuscino impedisce al tratto cervicale di assumere una posizione corretta.

Pertanto, dormire senza guanciale non è affatto una buona idea poiché fa venir meno un adeguato supporto a testa e collo. Per tutta la notte il tratto cervicale assume una posizione innaturale e costringe i muscoli a rimanere tesi anziché rilassati. Ciò provoca un irrigidimento e i conseguenti fastidiosi dolori al collo che possono interessare anche altre parti del corpo quali schiena e spalle.

Per chi soffre di dolori cervicali è sempre conveniente utilizzare un cuscino specifico per la cervicale.

Utilizzo del cuscino in base alla posizione di riposo

Abbiamo visto come dormire senza cuscino provoca, con grande probabilità, dolori a collo e cervicale per via dalla posizione inappropriata della testa durante il sonno e sussistenza di prolungate tensioni muscolari.

Il problema può essere aggravato a seconda delle abitudini di riposo. Le situazioni peggiori riguardano coloro che dormono su un fianco oppure in posizione supina.

Dormire supino a pancia in su

Nel primo caso la testa rimane eccessivamente inclinata verso la spalla per appoggiarsi sul materasso, mentre nel secondo si forma uno spazio vuoto tra collo e piano costringendo il capo a ruotare all’indietro e perdendo così l’allineamento con la colonna vertebrale.

Spesso chi dorme sul fianco pensa di sopperire alla mancanza del cuscino utilizzando il braccio come supporto. Non è affatto una buona soluzione poiché si aggiungono ulteriori pressioni su muscoli di braccia e spalle.

Dormire di fianco sul lato

La posizione a pancia sotto non è tra le più comode a causa dello schiacciamento della cassa toracica che rende più difficoltosa la respirazione. Tuttavia, è l’unica posizione che potrebbe consentire di riposare senza cuscino, oppure con un guanciale molto sottile, limitando i disagi.

In questo caso, sebbene la posizione della testa rimanga non perfettamente allineata con la colonna vertebrale, l’insorgenza di dolori cervicali ha un impatto minore.

Migliori cuscini letto

 

Consulenza sanitaria

Questo articolo è stato realizzato sotto la supervisione del dottor Pierpaolo Cameli, specializzato in Fisioterapia e Osteopatia riabilitativa.

Dottor Pierpaolo Cameli, consulente medico del sito web

Bibliografia