in

Quali domande porsi prima di acquistare un materasso in memory foam?

Esistono numerose guide all’acquisto su come scegliere un materasso in memory foam ma spesso non tengono conto di alcuni aspetti. Fattori chiave relativi al memory foam quali provenienza, densità, composizione, presenza di sostanze chimiche, influiscono sulla qualità complessiva del prodotto.

Quali domande porsi prima di acquistare un materasso in memory foam?

INDICE
1. Dove è stato realizzato il materasso in memory foam?
2. Il memory foam contiene sostanze derivate da petrolio o è di origine vegetale?
3. Il materasso contiene composti organici volatili?
4. Quali ritardanti di fiamma utilizza il produttore?
5. Qual è la densità del memory foam?
6. Il materasso scelto ha ottenuto recensioni verificate?

Dove è stato realizzato il materasso in memory foam?

Il paese di origine di ogni prodotto, quindi anche di un materasso in memory foam, ha molto a che fare con la sua qualità, oltre che sull’impatto ambientale e le implicazioni di natura etica.

In paesi come la Cina, in cui vige una scarsa tutela ambientale e del lavoro, lo scopo principale è quello di esportare la merce a basso costo. Di conseguenza gli standard di qualità e la selezione delle materie prime sono meno rigidi rispetto all’Europa.

Il memory foam di produzione cinese spesso contiene sostanze chimiche dannose per l’ambiente e la salute. In fase d’acquisto, pertanto, è bene controllare non solo la provenienza della materia prima, ma anche documentarsi sui sistemi di produzione del memory.

Il memory foam contiene sostanze derivate da petrolio o è di origine vegetale?

Molti venditori non specificano in maniera dettagliata la composizione del memory foam per mantenere il segreto industriale, tuttavia devono comunque fornire una panoramica generale a tutela del consumatore finale.

La schiuma memory è poliuretanica e contiene additivi a base di olio, che potrebbero essere anche ricavati dal petrolio. Il memory foam  di origine vegetale offre maggiore traspirabilità, visto che riesce a dissipare efficacemente il calore. Si tratta anche di un materiale che rispetta l’ambiente e più sostenibile rispetto a quello ottenuto dal petrolio.

Il materasso contiene composti organici volatili?

Alcuni composti organici volatili contenuti nei materassi in memory foam possono mettere a rischio la salute. Dal momento che trascorriamo tanto tempo in camera da letto l’esposizione a sostanze chimiche tossiche dovrebbe essere limitata il più possibile. A questo riguardo esistono aziende che producono materassi in memory 100% naturale in ambienti a emissioni zero e che sono del tutto privi di COV.

Quali ritardanti di fiamma utilizza il produttore?

Un altro aspetto strettamente chimico che riguarda i materassi è quello legato ai ritardanti di fiamma, sostanze aggiunte in fase di produzione che servono ad evitare la propagazione di un incendio, quindi a mitigare i danni generati del fuoco. La normativa di settore prescrive che tutti i materassi devono contenere ritardanti di fiamma, in modo da garantire la sicurezza dei consumatori.

Alcuni prodotti chimici ignifughi, tuttavia, possono essere potenzialmente pericolosi per la salute, specie quando presenti in misura superiore alle soglie consentite, che variano in base al Paese di produzione.

Quando si sceglie un nuovo materasso in memory foam bisogna sempre chiedere al rivenditore che tipo di barriera antifiamma è stata impiegata e ciò che viene aggiunto per soddisfare le linee guida sull’infiammabilità. Rayon e lana sono opzioni preferibili perché non rilasciano sostanze tossiche all’interno della camera da letto, oltre che dannose per l’organismo.

Qual è la densità del memory foam?

La densità è una delle peculiarità più importanti del memory foam. Viene espressa in kg/m3 e determina il rapporto fra massa e volume. Un memory foam ad elevata densità, cioè superiore a 60 kg/m3,  tende ad essere più viscoelastico. Diversamente una bassa densità, ovvero inferiore a 40 kg/m3, può dare a chi dorme una sensazione di eccessivo galleggiamento.

Si consiglia di diffidare dai rivenditori che non dichiarano i valori di densità dei materassi. I marchi leader nel settore offrono sempre tutte le specifiche tecniche e anche quelle relative alla densità, il cui valore medio è compreso fra 40 e 60 kg/m3.

Il materasso scelto ha ottenuto recensioni verificate?

Occorre sempre dare un’occhiata alle recensioni pubblicate da altri acquirenti sul materasso in memory che si desidera comprare. Queste testimonianze, quando verificate, possono offrire informazioni preziose su pro e contro. Il consiglio è quello di concentrare l’attenzione sulle opinioni che affrontano l’aspetto legato al comfort e i problemi che riguardano il dolore lombare.

Verificare inoltre i processi di produzione, la composizione chimica e gli additivi aiuterà a trovare il materasso in memory foam al miglior rapporto qualità prezzo e adatto per le proprie esigenze, dunque a fare un acquisto ponderato.

Migliori materassi in memory foam